Speranza e Fede

Sei qui-e-ora: Home / Articoli Yoga / Speranza e Fede

Speranza e Fede

sintesi di Anna Orsini

 

Maurizio Morelli è l’autore di un articolo, apparso sul n.50 – Novembre/Dicembre 2014 – della rivista “Vivere lo Yoga”, sul tema della speranza e della fede.

L’autore afferma che speranza e fede sono due concetti che possono apparire molto vicini, simili e complementari. In realtà provocano due atteggiamenti psichici che, per la pratica yoga , sono addirittura opposti.

La speranza nasce dalla necessità di non “disperare”. E’ una benevola attesa di accadimenti e soluzioni future che gratifichino e risolvono i nostri problemi presenti. In realtà, si tratta di un atteggiamento inadeguato alla consapevolezza della realtà che stiamo vivendo e risiede in una proiezione nel futuro che molto probabilmente porterà delusioni, frustrazioni o, al massimo, la necessità di ricominciare a sperare in qualche altra cosa.

La speranza è figlia dell’ego temporale e dei suoi desideri e, essendo proiettata verso l’esterno, è incapace di indicarci la direzione giusta. Sperare impedisce di accettare e di cogliere le opportunità di crescita che può offrire un’occasione che non ci gratifica.

La fede al contrario è la convinzione, semplice e assoluta che tutto ciò che ci accade è la cosa migliore per noi, un messaggio, un indicazione verso la realizzazione della nostra speciale missione.

La fede è il contatto profondo con il Sé interiore, la stabilità, la calma della psiche dove la nostra voce interiore diventa indicibile e noi non siamo nel passato né nel futuro, ma qui ed ora.

Siamo aperti, forti e concentrati nell’accettazione di ciò che ci accade, perché convinti che in questo ci sia opportunità, direzione e luce.