L’armonia e l’equilibrio

Sei qui-e-ora: Home / Articoli Yoga / L’armonia e l’equilibrio

L’armonia e l’equilibrio

sintesi di Marco Lunghi

Sul numero 2 di Agosto 2006, la rivista “Vivere lo Yoga” ha pubblicato un articolo di Michela Castro nel quale l’autrice afferma che quando siamo oppressi dallo stress tutto il corpo è in tensione. I muscoli sono contratti e alcune parti del corpo sono tanto irrigidite (soprattutto la zona lombare e quella cervicale) da rendere i nostri movimenti alquanto impacciati.

Se ci si stende per riposare, la nostra mente richiama tutti i nostri problemi e ci impedisce di rilassarci anche solo per un attimo.

Nello Yoga si tende invece all’armonia tra il giusto sforzo fisico ed il giusto rilassamento. Per poter eseguire al meglio un gesto dinamico o mantenere una posizione, bisogna trovare l’equilibrio tra lo sforzo adeguato e il rilassamento: cioè mantenere in tensione solo i muscoli interessati al mantenimento della posturae rilassare tutti gli altri.

Sono le tensioni inutili che creano stress.

Anche se inizialmente si incontrano difficoltà ad assumere certe posizioni, non bisogna arrendersi, perché gradualmente riusciremo a sviluppare le due qualità fondamentali che definiscono le asana, le posture: stabilità e benessere, in sanscrito, rispettivamente, sthira e sukha.

La stabilità non è riferita solo al corpo, ma anche al respiro, che deve essere calmo e regolare, ed alla mente, che deve essere concentrata sulla posizione e sul respiro. Ciò distingue lo Yoga dalla semplice ginnastica. Sthira è dunque la capacità di stabilirsi fermamente nella posizione. Quando si riesce a mantenere un’attenzione continua a ciò che stiamo facendo, alla posizione assunta ed al respiro, la mente si stabilisce nel corpo, lo abita. Spesso, nella vita quotidiana, siamo in una condizione che si può definire dissociata: siamo qui, ma con la mente siamo altrove. Nelle asana, invece, abitiamo il nostro corpo, ricreiamo l’unità fra il corpo e la mente. Quando ciò si verifica, allora potremo sperimentare la seconda qualità, sukha, cioè una gradevole esperienza di benessere senza tensioni.