La forza dell’Arrendevolezza

sintesi di Anna Orsini

 

Elisa Francese in un articolo pubblicato sul n. 55 di Marzo-Aprile 2014 della rivista Vivere lo Yoga”, affronta il tema dell’arrendevolezza.

L’autrice afferma che siamo costantemente di fronte a richieste, necessità e stimoli. Impegni, responsabilità e imprevisti, rendono la nostra vita un percorso a ostacoli.

Il bisogno di avere tutto sotto controllo e il rendersi conto dell’impossibilità di tale intento, provoca delusioni, paure, rabbia e stress.

E’ un aspetto della vita indubbiamente vero e reale e, tuttavia, esiste un altro aspetto, un’altra forza che, se liberata e lasciata lavorare, può fare miracoli: la forza dell’arrendevolezza.

E’ quando ci si rende conto che la vita scorre anche senza la nostra costante supervisione . Sarebbe auspicabile imparare a fidarci della vita, a godere del momento presente, mettere amore, gioia, purezza in gesti più semplici, controllare ciò che stiamo facendo nel momento in cui lo stiamo facendo senza pensare al futuro o al passato.

La pratica ci accompagna alla forza dell’abbandonarsi. Le posizioni di forza ci aiutano a sviluppare la disciplina, la resistenza interiore alle insidie, calati nel nostro presente.

Con la meditazione impariamo ad alleggerirci lasciando fluire i pensieri, assaporando la meraviglia del silenzio e dell’abbandono.

Lao Tzu ne “l’Arte della Guerra” afferma “Lasciando andare, si ottiene tutto. Il vero vincitore è chi lascia andare”. Non è una contraddizione. La vita si combatte nel migliore dei modi quando riusciamo a lasciar andare ansie, preoccupazioni, pensieri inutili e accanimenti.