Coltivare la Gioia

Sei qui-e-ora: Home / Articoli Yoga / Coltivare la Gioia

Coltivare la Gioia

sintesi di Annalisa Ceccatelli

Frank Jude Boccio è l’autore di un articolo dal titolo “sono così felice per te” pubblicato sul n. 108 di nov. 2016 della rivista “Yoga Journal”.

In questo articolo Boccio scrive sull’invidia e la gelosia che, a volte, proviamo verso il successo e la buona sorte delle persone che ci circondano.

Patanjali e Buddha con la pratica mudita avevano fornito uno strumento per imparare a “condividere la fortuna e la felicità degli altri”, percorso che secondo Patanjali sviluppa la “calma e la lucidità della mente”.

Il Dalai Lama la definisce “illuminazione auto riferita”; se possiamo essere felici per gli altri, le opportunità per la nostra felicità cresceranno. Thich Nhat Hanh afferma che mudita è una “gioia appagante, piena di pace”; sentiamo in noi la stessa felicità dell’altro come fosse la nostra.

Confrontarsi con l’altro in modo negativo implica una sofferenza per solitudine o inadeguatezza. La vera gioia ha a che fare con l’autostima.

Invidiare gli altri e, poi, pentirsi non è utile; lo è invece esserne consapevoli e lasciare andare senza giudicarci. Dobbiamo accettare che gli altri facciano scelte che non condividiamo, senza fare confronti con la nostra vita ed i nostri percorsi. L’ essenza di mudita afferma che si debba essere felici e appagati solo perché  siamo noi stessi.

Frank J. Boccio consiglia, durante la pratica yoga della meditazione, di esercitarsi alla gioia: concentrarsi su esperienze positive della vita quotidiana, “cercare la parte buona per neutralizzare le negatività”. L’ordine della pratica è: metta accettazione di ciò che è, karuna, compassione amorevole e mudita, terzo stadio dell’amore totale

Nel momento stesso in cui possiamo accettare la realtà delle cose, scopriremo gli aspetti felici e virtuosi della nostra vita.

Per raggiungere la gioia nello yoga è fondamentale il rilassamento profondo; portando l’attenzione ad una parte del corpo si invia a quella parte un sorriso e un senso di gratitudine. Ciò andrebbe ripetuto anche per le azioni della giornata che ci rendono felici.

Essere consapevoli dell’impermanenza ci aiuta a cogliere la felicità nell’attimo presente.

Non c’è un limite preciso alla quantità di gioia per ognuno di noi: l’amore cresce in maniera esponenziale solo quando è condiviso.