Affronta il dolore

Sei qui-e-ora: Home / Articoli Yoga / Affronta il dolore

Affronta il dolore

sintesi di Annalisa Ceccatelli

Grazia Pallagrosi è l’autrice dell’articolo “Affronta il dolore. La meditazione porta serenità alla sofferenza”, pubblicato sul numero di settembre 2019 della rivista Yoga Journal.

L’autrice illustra come la pratica meditativa può diminuire l’intensità del dolore percepito, in quanto una buona parte di esso è causato dalle emozioni negative che si sviluppano quando il dolore insorge.

Il dolore fisico si accompagna sempre ad una componente cognitiva (le nostre vicissitudini e preoccupazioni), ad un fattore emotivo (come reagiamo al dolore stesso) e ad una componente sociale (le situazioni relazionali che si creano quando siamo preda del dolore).

La tradizione buddista sostiene da tempo che il dolore è caratterizzato da diversi elementi, ovvero da un insieme di diverse cause; e gradualmente anche la scienza occidentale inizia ad avere un approccio sistemico al dolore.

Le persone che hanno dolori cronici dovrebbero cercare il modo di accogliere la sofferenza per non farla aggravare. Una strada è lavorare sugli stati d’animo negativi come paura, rabbia e frustrazione, che hanno il potere di amplificare il dolore stesso.

Se si combatte il dolore, lui diviene più forte, mentre diminuisce se lo accogliamo. Quando si osserva il dolore dall’interno cambia di intensità, si sentono delle pause e si crea uno spazio fra noi e lui: l’osservazione prende il posto dell’identificazione.

Citando Krishnamurti, l’autrice sottolinea ancora che il coinvolgimento psicologico intensifica il dolore, portando con sé ansia e paura che ci fanno rivivere sofferenze passate preparandoci al peggio.

Non c’è una regola che determini quali e quante pratiche siano necessarie per sentir diminuire il dolore, dipenda da molti fattori, dal tipo di sofferenza e dalla parte colpita, inoltre cambia da giorno a giorno, ma la costanza sarà vincente.La medicina riesce a trattare meglio i dolori acuti di quelli cronici. Esistono studi recenti che affermano che mediante la meditazione di consapevolezza si può ridurre fortemente la percezione del dolore, e questo può aiutare molto anche coloro che sono diventati assuefatti ai farmaci e non hanno più giovamento dalla loro assunzione.