Accogliere l’altro

Sei qui-e-ora: Home / Articoli Yoga / Accogliere l’altro

Accogliere l’altro

sintesi di Donatella Poggi

Marco Restelli sul n. 73 – Maggio 2013 – della rivista “Yoga Journal” ci conduce verso un significato più vero dell’accoglienza.

L’autore, reduce da una personale esperienza in Panjab, si chiede se noi occidentali siamo davvero capaci di “accogliere l’altro”.
Durante questo suo viaggio in Panjab, Restelli sperimenta l’accoglienza dei sikh: nei loro templi (gurdwara) è annessa sempre una grande cucina (langar), ci si siede a terra e uno accanto all’altro si mangia in compagnia, gratuitamente. Ci si può anche fermare a dormire ed ognuno, se lo ritiene opportuno, può lasciare un’offerta.

I sikh dicono che “Dio accoglie tutti” a prescindere dall’etnia, dal credo e dalla casta e in questo modo, accogliendo il prossimo, si onora Dio.

Nei templi più grandi, le cucine sfamano migliaia di persone al giorno, grazie ai volontari che dopo il lavoro o la scuola, cucinano, riassettano e sfamano migliaia di sconosciuti.

In Italia ci sono circa 70mila sikh ed hanno i loro gurdwara ed i langar sono aperti con gioia anche a noi. Ma noi siamo capaci di accogliere loro con la stessa gioia?